Isolabella della Croce è BIONEUTRAL

Il Pinot nero

Il pinot nero di Isolabella della Croce
11.000 barbatelle ad ettaro
: una densità straordinaria per il pinot nero messo a dimora nel 2007. Un’intensità tale da indurre la pianta a ridurre la parte “verde” e concentrare nell’acino tutte le sue essenze.

News ed Eventi

MERUM 2017
Immagine

Mercoledì 29 Marzo 2017



DAWA 2016
Immagine

Lunedì 19 Settembre 2016
Decanter Asia Wine Awards 2016 #DAWA premia il nostro Bricco del... Leggi tutto...


Medaglia d'Argento al Muscats du Monde 2016 - "Valdiserre" Moscato d'Asti Docg
Immagine

Martedì 19 Luglio 2016
Fresco di arrivo dalla Francia l'ultimo riconoscimento per i vini... Leggi tutto...


BIWC 2016
Immagine

Martedì 29 Marzo 2016
Siamo orgogliosi di annunciarvi lo straordinario successo dei nostri... Leggi tutto...


IL SOMMELIER 2016
Immagine

Giovedì 17 Marzo 2016
 


Vini Buoni d'Italia assegna 4 stelle e la Corona per Augusta 2011!
Immagine

Venerdì 22 Gennaio 2016
Fresca di consegna la "Corona" per la nostra Augusta Barbera d'asti... Leggi tutto...


Medaglia D'Oro 90+ Gilbert & Gaillard - Gold Medal 90+ Gilbert & Gaillard
Immagine

Giovedì 21 Gennaio 2016
Sono appena arrivati dalla Francia gli attestati relativi alla... Leggi tutto...


Loazzolo: la piu' piccola DOC Italiana

 

loazzolo_locationLoazzolo è un piccolo comune piemontese incuneato nella bassa langa astigiana, tra il Cuneese e l'Alessandrino, a quindici minuti da Canelli e mezz'ora da Nizza Monferrato. Questo, piccolo comune di 350 abitanti, il cui nome deriva dal basso latino Lupatiolum (luogo ove scorrazzano i lupi) appartenne sin dal XII secolo ai marchesi del Monferrato, che lo cedettero al comune di Asti nel 1200. Dal 1935 fa parte della provincia di Asti. Qui le condizioni pedoclimatiche sono ideali alla coltivazione della vite.

Loazzolo, la DOC più piccola d'Italia, è stata riconosciuta nel 1992. Il Loazzolo é un vino dolce rarissimo, vinificato e imbottigliato esclusivamente da uve Moscato (tradizionalmente impiegate per la produzione dell'Asti), uve appassite ed eventualmente attaccate dalla muffa nobile, coltivate nel solo comune di Loazzolo caso unico in italia.

Conta 8 produttori per circa 5 ettari complessivi!. Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino "Loazzolo" devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve ed al vino derivato le specifiche caratteristiche qualitative.

Sono considerati idonei unicamente i vigneti ubicati su pendii e dossi collinari soleggiati su terreno a struttura calcarea marnosa. La giacitura dei terreni vitati, per favorire l'insolazione, deve essere collinare con pendenza minima del 20% con esclusione dei vigneti di basso o di fondo valle, ombreggiati, pianeggianti o umidi.

 

Per informazioni

CONSORZIO TUTELA VINI D'ASTI E DEL MONFERRATO
Via Morelli 15 - 14100 Asti
Tel. 0141 598998 - Fax 0141 598984 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Progetto terra protetta Loazzolo

Tutti i diritti riservati © 2011 - Borgoisolabella S.S   Regione Caffi, 3 14051 LOAZZOLO (AT) - Italia - Tel. +39 0144 87166 - Fax +39 0144 857303 - P.IVA 01292290051


Home | Disclaimer | Mappa del sito | Trattamento privacy

Il sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione Leggi di più.